Casella posta elettronica del personale strutturato

Il personale strutturato dell’università di Pisa dispone di una casella di posta su server Microsoft Exchange locali (tipicamente della forma nome.cognome@unipi.it, a differenza degli studenti e dei dottorandi che l’hanno nel cloud Azure.

Vi si può accedere via web, oppure attraverso programmi di posta dedicati per computer e device mobili, nella modalità nativa Exchange o in modalità IMAP e SMTP.

Operazione preliminare importante

Prima di configurare un programma di posta è opportuno verificare preventivamente che sia possibile accedere alla mail via web tramite l’indirizzo https://unipi.it/webmail (che attualmente ridirige a https://owa.unipi.it, ma è meglio ricordarsi https://unipi.it/webmail). Se da almeno 2 anni non viene cambiata la propria password delle credenziali di ateneo, potrebbe verificarsi un errore di autenticazione. In questi casi conviene connettersi a https://autenticazione.unipi.it per cambiare la propria password e sincronizzare tutti i sistemi che la usano.

Accesso Web

Accesso tramite browser, non sono necessarie impostazioni particolari, basta connettersi a https://unipi.it/webmail

Parametri di connessione tramite programmi di posta in modalità nativa Exchange

Così vanno configurati i programmi Outlook (per Windows, MacOS e mobile), e tutti i programmi che supportano la modalità nativa (alcune versioni di Apple Mail e alcuni programmi per device mobili)

  • mail: proprio indirizzo email (tipicamente nella forma nome.cognome@unipi.it)
  • server: ews.unipi.it (porta 443 se è necessario specificarla)
  • utente: username di ateneo con indicazione del dominio (tipicamente nella forma ADUNIPI\a012345)

Outlook 2016 e 2019 per Windows

Aggiungere account di tipo Exchange mettendo mail e password, l’operazione darà errore di autenticazione ma sarà possibile cambiare l’utente e sostituirlo con quello nella forma ADUNIPI\credenziali_ateneo (importante non dimenticare l’indicazione del dominio ADUNIPI)

Outlook 365 e Apple Mail

Aggiungere account, mettere la mail, al passo successivo inserire utente e password come da parametri nativi di Exchange. Lo stesso vale per le versioni di Apple Mail che supportano la modalità nativa.

Outlook per Android

Premere inizia (se si sta configurando la prima volta Outlook) o aggiungere account, togliere la spunta degli eventuali account già trovati che il sistema potrebbe proporre. Immettere la propria mail e la password quando richiesti. Se configurazione automatica non funziona (errore di accesso) selezionare quella manuale (pulsante ? in alto) e cambiare provider account scegliendo il tipo Exchange, a questo punto è possibile inserire i parametri manuali della configurazione nativa di Exchange

Mail per IPhone

Aggiungere account di tipo Exchange, scegliere poi la configurazione manuale e mettere i parametri nativi Exchange, scegliere infine se integrare o meno anche i promemoria,note, rubrica etc…

Gmail per Android

Aggiungere account di tipo “Exchange e Office 365” e se la configurazione automatica non funziona passare a quella manuale con i parametri nativi di Exchange e mettere accetta tutti i certificati SSL/TLS

Parametri di connessione IMAP e SMTP

Così vanno configurati i programmi di posta che non supportano la modalità nativa, come ad es. Thunderbird, la maggioranza dei programmi Mail per device mobili, etc. Si consiglia di non modificare un profilo esistente, ma di crearne uno completaente nuovo, dopo avere cancellato o eventualmente rinominato quello vecchio.

  • mail: proprio indirizzo email (tipicamente nella forma nome.cognome@unipi.it)
  • server IMAP: imap4.unipi.it porta 143 STARTTLS
  • server smtp: submission.unipi.it porta 587 STARTTLS
  • utente: username di ateneo (tipicamente nella forma a012345)

Thunderbird per Windows, Mac e Linux

Aggiungere account con configurazione manuale e utilizzare i parametri di tipo IMAP e SMTP (la possibilità di connettersi ad Exchange in maniera nativa è possibile solo con plugin a pagamento)

Altro materiale informativo